Il nostro Fareassieme.
Forse c’è qualcuno che non sa cos’è: è una parola inventata dal mondo della salute mentale di Trento nel Movimento Le Parole Ritrovate, tantissimi anni fa ormai, ma non è solo una parola, è un concetto di cura l’uno dell’altro, un potenziamento di creatività, una scuola di comunità e democrazia, un rispetto reciproco. E’ aver fiducia nell’altro, tornare a sperare e credere che il cambiamento sia sempre possibile.
Basaglia lo aveva insegnato, poi chissà perchè, ….
Tutti, nessuno escluso, abbiamo bisogno di tanto in tanto, di un cerchio magico intorno fatto da chi ci vuol bene, pensa a noi e ci capisce. Tutti, nessuno escluso, possiamo creare un cerchio per gli altri, psichiatria o non psichiatria.
Ieri c’è stato il Coordinamento Nazionale di Parole Ritrovate a Bologna: la miccia è stata accesa. Si riparte alla grandissima!
Ora seguiranno dei bellissimi incontri regionali tra chi, in psichiatria ed anche in altre realtà, ha trasformato la parola fareassieme in fatti.

Psichiatria mia bella dice Renzo, e io mi associo, nonostante tutto. Credo ancora che sia un luogo in cui ancora far politica seguendo ideali di uguaglianza, di diritti umani e di comunità consapevole.