Buongiorno mondo!
che emozione rileggere tutto ciò che ho scritto durante il viaggio.
Sono alla rilettura delle prime pagine, quando non ero ancora partita, immersa nella paura di quell’enormità che ho deciso di fare: un viaggio lunghissimo e incredibile. L’Italia intera in solitaria con una e-bike, che ancora, in quei momenti, non so bene cos’è, ma è deciso: partirò.
Mentre rileggo, ripenso ai momenti particolari in cui ho scritto quei pensieri. Mi ricordo esattamente quel che cercavo di esprimere, ricordo il dove, il quando e ricordo lo spaesamento nella ricerca del perchè volevo imprimere le mie parole su un qualche supporto che potesse custodirle per me.
Ho avuto ragione: ad ogni pagina, rivivo intensamente ciò che è già stato vissuto, ma in modo diverso. Sono uno spettatore dei miei pensieri.
Una volta nella vita, bisogna concedersi una grande avventura. Il problema è che poi, si vuol ripetere all’infinito quelle magia. Rivivo quel che ho vissuto, ma riparto da dove son arrivata. Presto il mio prossimo progetto sarà anche vostro.
Santi numi, santi davvero loro o chi per loro: che bella cosa inventarsi la vita.