biciterapia

"percorreremo assieme le vie che portano all'essenza" Franco Battiato

Magie varie ed eventuali

Colore

Il mare trasforma i suoi colori in un tempo velocissimo all’apparire del sole. Quelli che pochi secondi prima erano quasi grigi, diventano smeraldo, turchese, azzurro intenso. I colori sono un miracolo vero.

Serpenti

I Carboni credo abbiano un altro nome in verità. Sono serpentoni molto lunghi e aggressivi. Mio fratello ne ha tenuto uno bello grosso in una teca in camera e appena lo avvicinava  lo mordeva sempre: si chiamava Lucifero Io ne avevo uno verdolino, un saettone longissimo, lungo 1 metro e settanta :-).Era buonissimo, non mi ha mai morso quando lo tenevo arrotolato intorno al mio braccio o sulle spalle mentre studiavo. Si chiamava Pacifico. Ricordi erpetologici emersi dagli incontri di ieri.

Prostitute belle dentro e fuori

Le prostitute sono di tanti tipi. Alcune sono così colorate da mettere allegria, se si riesce a non pensare al perchè son li,  a cosa devono vedere, sentire, sopportare.

I Gabrieli della vita ogni tanto si affacciano

Gli incontri sono cose quasi mai casuali. Si fanno quando è il momento di farli. Oggi ho conosciuto un Gabriele particolarmente simpatico, nel senso etimologico della parola. Mi ha fatto una intervista divertente e detto una cosa che mi farà pensare parecchio, sentita anche da lui da altra persona.  La frase è  “c’è chi viaggia e chi è viaggiato“. Se apro un posto in cui ospitare persone, divento anch’io “viaggiata” dei viaggio di ognuno che passa.

Le fate esistono e talvolta si chiamano Veronica

Nella casa dove ho dormito questa notte, c’era una fata. Credo si chiamasse Veronica. Una fata rossa e bianca. Capelli rossi e carnagione bianchissima. Quando sorride, credo onestamente, possa fare qualunque magia ….

Gentilezza delicata

A Salerno, le persone sono diversissime da quelle di Napoli. Molto meno chiassose, meno ecclatanti, meno rumorose. Ugualmente gentilissime ma con una riservatezza e una pacatezza che mi fa sentire estremamente a mio agio. A Napoli, il flusso comunicativo raggiunge velocità al quale non riesco sempre a stare dietro.

Pot Pourrie

Questo viaggio si arricchisce ogni giorno di esperienze che si mescolano diventando un tutt’uno. Profumi speciali. Nonostante alcuni siano intensi ed altri delicatissimi, il risultato, sempre in perpetua mutazione, è del tutto armonico ed equilibrato. Compresi i cagnini di ieri.

Panico

Credo che una crisi di panico sia così: sentirsi inseguiti, in pericolo imminentissimo di qualcosa di orrendo che non si riesce neanche ad immaginare. Nel momento in cui i cani sono sbucati dal nulla credo di aver pensato che mi stavano per sbranare, ma non era un pensiero compiuto, era solo una intollerabile paura. Subito dopo mi son sentita in preda ad una reazione che non potevo controllare. Forse avrei dovuto afrontarli, ma sono scappata. Forse potevo cadere, potevano essere più veloci di me, potevano non esserci le due fate prostitute…. forse. Ero completamente in balia di me stessa, di loro, del fato. Con una paura paralizzante anche se son scappata velocissima. Ero paralizzata completamente. La paura paralizza, anche se si reagisce.

#biciterapiamila #milavagante #futurebike

Ophelia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Previous

Pista ciclabile

Next

Amico degli animali

3 Comments

  1. antonio

    La paura dell’imprevvisto è la compagna del viaggiatore solitario. Io nei miei viaggi l’ho provata parecchie volte la paura. Non solo i cani (in Calabria) ma anche il guidatore disattento che ti taglia la strada, o l’autista del camion che in curva scondizzola il rimorchio che ti striscia il fianco e ti spedisce per terra, o le follate di vento che all’improvviso ti fanno volare ….Tante situazioni che nelle previsioni non ci sono ma che inevitabilmente in un viaggio lungo si presentano. Superate si è più forti di prima.

  2. Claudio Gabbani

    Grazie Mila!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

css.php